Siamo sull’ Appennino Tosco Romagnolo, montagna da poche decine di metri, più precisamente a Razzuolo. Si arrocca sulla Via Faentina che collega Firenze a Faenza, nel tratto tra Borgo San Lorenzo e Marradi. Anche Razzuolo, come i suoi abitanti, ha origini antiche: fondato intorno all’anno 1000 dai monaci dell’ordine vallombrosano, si sviluppa intorno all’antica abbazia, oggi Chiesa di San Paolo a Razzuolo.

 

Dalla seconda metà del XX secolo tutto il territorio montano circostante ha vissuto un vero e proprio processo di marginalizzazione che ha portato con sé non poche conseguenze sul paesaggio e la sua popolazione: dal calo delle attività e dell’occupazione alla rarefazione sociale, dall’abbandono della terra al conseguente venir meno della tutela del suolo. Aspetti che inevitabilmente hanno influenzato il territorio, mutandolo considerevolmente nei suoi tratti peculiari.

 

Seppur in scala minore, questi fenomeni hanno investito anche il piccolo paese di Razzuolo che negli ultimi trent’anni ha assistito all’invecchiamento della popolazione e allo scarso interesse delle nuove generazioni che, pur risedendo in paese, vivono altrove la loro quotidianità. Il mosaico del territorio già provato dagli imponenti rimboschimenti effettuati nel secondo dopoguerra, ha subito un’ulteriore semplificazione con l’avanzamento del bosco, a discapito dei seminativi caduti in abbandono. I sentieri che li collegavano, non più battuti né salvaguardati, si sono chiusi lasciando solo vaghe tracce di quella che un tempo era una fitta rete di viabilità.

 

Il festival Foglia Tonda ha come base la Casa del Popolo di Razzuolo, unico punto di ritrovo rimasto in paese, dalla quale le nostre attività partono per snodarsi tra le case e nei boschi circostanti. La Casa del Popolo, nata nell’immediato dopoguerra e ampliata negli anni ’70, è un esempio di bene comune gestito dall’intera comunità del paese: la colletta per la ristrutturazione riguardò tutte le famiglie e lo stesso vale per le iniziative di raccolta fondi organizzate durante l’anno.